Le persone che hanno partecipato

Stefano Acanfora

Stefano Acanfora

Laureato in Economia e Commercio presso l’Università di Napoli “Federico II”, dottore commercialista e revisore contabile. Dopo numerose esperienze nel settore privato, nel 2010 assume la carica di Direttore Amministrazione e Controllo presso Sogei, società ICT interamente posseduta dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Ritornato nel 2013 alla libera professione, dal gennaio 2015 assume la carica di Direttore della Direzione Regionale Centrale Acquisti della Regione Lazio. 

Torna all'elenco completo

Ha partecipato a:

Un nuovo modello di procurement pubblico è possibile?

Roma, 23 maggio, 2017 | 15:00

Gli acquisti della PA italiana valgono 130 miliardi di euro, pari all’8,4% del PIL. Una cifra importante a fronte della quale il nuovo Codice dei Contratti pubblici e delle Concessioni intende intervenire per eliminare o quanto meno ridurre quei fenomeni di frammentazione e mancata organizzazione, che in passato hanno minato l’efficienza della PA ed hanno costituito un humus ideale per nascondere fenomeni più o meno espliciti di clientelismo o corruzione.

Il digitale promette di trasformare i processi di procurement pubblico in ogni loro fase rendendoli più veloci, efficienti e trasparenti entro il 2018. Ma a che punto siamo con l’applicazione del Codice e la produzione normativa ad esso collegata (la cosiddetta “soft law”) e con il processo di digitalizzazione ed interconnessione tra i sistemi e le basi dati delle PA coinvolte?

Come risponde il mercato alle novità normative e cosa chiede alla PA per far ripartire il mercato degli acquisti pubblici in nome di un nuovo patto tra Istituzioni, Imprese e Cittadini improntato alla trasparenza, alla correttezza ma anche e soprattutto all’efficienza che garantisce la qualità dei servizi per gli utenti di cui la nostra PA ha profondamente bisogno per garantire la sua qualità e sostenibilità?

Tra i 17 Sustainable Development Goals - strettamente correlati l'uno con l'altro - il focus, in questo evento, sarà sull'obiettivo 16 "Pace, giustizia e istituzioni solide", ma parleremo anche di "Consumo e produzione responsabili"