Le persone che hanno partecipato

Maria Valeria Feraco

Maria Valeria Feraco

Torna all'elenco completo

Ha partecipato a:

Le novità di STRATEGIC PA® in materia di anticorruzione e trasparenza: dal Decreto Madia al Nuovo Codice degli appalti.

Palazzo dei Congressi | Roma, 26 maggio, 2016 | 14:00

Nel corso del 2016 vengono introdotte importanti novità in materia di anticorruzione e trasparenza. In particolare, il decreto Madia, approvato dal Consiglio dei Ministri il 20 gennaio scorso e tuttora in corso di definizione,  estende e rafforza la normativa in materia e attribuisce all’ANAC ampi poteri regolamentari, di controllo e ispettivi.  Anche nel nuovo Codice degli Appalti, approvato con il decreto legislativo 50 del 18 aprile, il ruolo di ANAC si manifesta decisivo nel contrasto alla corruzione.

L’ANAC inoltre con la Determinazione n. 8 del 17 giugno 2015 ha pubblicato le «Linee guida per l’attuazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e trasparenza da parte delle società e degli enti di diritto privato controllati e partecipati dalle pubbliche amministrazioni e degli enti pubblici economici», volte ad orientare gli enti di diritto privato controllati e partecipati da pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici economici nell’applicazione della normativa di cui alla l. 190/12, defindendone le implicazioni (anche in termini organizzativi e di coordinamento con le disposizioni del d. lgs 231/01 in materia di responsabilità da reato degli enti) tanto per le società quanto pe le amministrazioni di riferimento.

Il Workshop presenta l’attività in corso di adeguamento normativo di STRATEGIC PA® in seguito al Decreto Madia in materia di trasparenza e al ruolo dell’ANAC nel Nuovo Codice degli Appalti.

STRATEGIC PA® la piattaforma unica per gestire dati, informazioni, documenti e per rispondere in modo organizzato alle indicazioni dell’ANAC e del DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA in tema di CONTROLLO DI GESTIONE, CICLO DELLE PERFORMANCE, ANTICORRUZIONE e TRASPARENZA.

Puoi scaricare QUI il documento  elaborato per Ecoh Media dallo Studio Collevecchio di PA Management Consulting  che,  partendo dal decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33: “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”, inserisce le modifiche e le integrazioni introdotte dallo schema di decreto legislativo:

“Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche”

(correttivo della legge 6 novembre 2012, n. 190 e del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, ai sensi dell’articolo 7 della legge 7 agosto 2015, n. 124) 

Performance, contrasto della corruzione, trasparenza: un collegamento necessario

Roma, 24 maggio, 2017 | 11:00

Le modifiche introdotte alla normativa sulla trasparenza e sul contrasto della corruzione con il decreto Madia 97/2016, divenute operative dal 23.12.2017 con le linee guida emanate dall’ANAC, e le modifiche in corso al decreto legislativo 150/2009,  in materia  di gestione della performance e di misurazione e valutazione dei risultati, mostrano un collegamento stretto e necessario tra gli strumenti di programmazione che sono alla base della governance delle amministrazioni pubbliche.  In particolare il Piano della performance si pone al centro di un sistema in cui obiettivi e indicatori saranno determinati dal Governo in coerenza alle priorità delle politiche nazionali e in relazione all’attività e ai servizi da erogare ai cittadini a livelli qualitativi predeterminati.  Tra gli obiettivi sono certamente compresi quelli attinenti alle misure di contrasto della corruzione e all’attuazione del principio della trasparenza; obiettivi che, per effetto del decreto 97/2016,  confluiscono in un solo strumento di programmazione: il Piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza (PTPCT).  Ne deriva che l’attuazione dei piani suddetti, attraverso le operazioni di gestione, di monitoraggio e di controllo, il collegamento con gli strumenti di bilancio e la determinazione dei  risultati finali assunti a base della valutazione, configura il circolo virtuoso di una AP efficiente, efficace e rispettosa della legalità.

In considerazione di queste innovazioni, Ecoh Media ha potenziato gli strumenti informatici di supporto presenti nei moduli di Strategic PA.

Le nuove normative sottopongono gli Enti a rispondere a richieste di adempimenti sempre più articolate. La pubblica amministrazione moderna non può prescindere dal dotarsi di strumenti per il CONTROLLO STRATEGICO e il MONITORAGGIO DEGLI OBIETTIVI E DEI RISULTATI.

STRATEGIC PA® è oggi una piattaforma leader per la gestione delle Performance apprezzata da molti ENTI.

L’integrazione delle PERFORMANCE con la gestione DELL’ANTICORRUZIONE e della TRASPARENZA consente all’Ente una usabilità completa e consente, a partire da un unico archivio di informazioni, di generare in automatico i documenti del PEG e del DUP con il controllo e il monitoraggio delle informazioni gestite.

STRATEGIC PA® di Ecoh Media, una soluzione unica nel suo genere, riconosciuta da Oracle Italia e da altri importanti operatori del settore; STRATEGIC PA® interpreta in modo efficace e semplice le indicazioni per gestire la valutazione dei Dirigenti e del Personale nel quadro dell’intero CICLO DELLE PERFORMANCE, è presente in molti Enti, ed è composto da quattro funzionalità principali tra loro integrate ma modulari: Performance Budgeting, Obiettivi e Performance, Anticorruzione e Trasparenza.