Le persone che hanno partecipato

Massimiliano Chiardoni

Massimiliano Chiardoni

Dopo una esperienza di oltre 10 anni come Responsabile ICT, dal 2013 ricopre il ruolo di Responsabile Cyber Security e Gestione Documentale di Sogin. Da sempre impegnato sui temi dell'Information Security, del Data Privacy, del Risk Management, del Workflow and Document Management, così come della Governance aziendale, dello Smart Working e del Green IT. Misurato e critico frequentatore del Dominio Digitale, promuove un uso consapevole e proporzionato della tecnologia, affiancando ai processi di innovazione tecnologica e sicurezza l’imprescindibilità del fattore umano.
 

Torna all'elenco completo

Ha partecipato a:

Priorità Cybersecurity (Tavolo di lavoro Executive)

Roma, 24 maggio, 2017 | 09:30

Nel recente passato si è assistito ad una rapida evoluzione della minaccia cibernetica ed in particolare per quella incombente sulla pubblica amministrazione, che è divenuta un bersaglio specifico per alcune tipologie di attaccanti particolarmente pericolosi. Se da un lato la PA continua ad essere oggetto di attacchi dimostrativi, provenienti da soggetti spinti da motivazioni politiche ed ideologiche, sono divenuti importanti e pericolose le attività condotte da gruppi organizzati, non solo di stampo propriamente criminale. Nei fatti le misure preventive, destinate ad impedire il successo dell’attacco, devono essere affiancate da efficaci strumenti di rilevazione, in grado di abbreviare i tempi, oggi pericolosamente lunghi, che intercorrono dal momento in cui l’attacco primario è avvenuto e quello in cui le conseguenze vengono scoperte.

Nel 2017 ci aspettiamo attacchi ancora più sofisticati che faranno leva su dimensioni multiple: sicurezza fisica, tecniche sociali e comportamentali, codici malevoli di nuova generazione alimentati da intelligenza artificiale e quindi in grado di aggirare le più comuni contromisure. Aumenteranno gli attacchi invisibili: è evidente che molti attori di minaccia hanno l’obiettivo di continuare ad operare in modo invisibile, pertanto sarà sempre più complesso identificare per tempo queste tipologie di attacchi. Inoltre la rilevazione è resa più complessa dall’aumentare del numero di nodi, delle diversità di protocolli e trame di interconnessione, fenomeni accentuati dall’esplosione di Cloud, Internet of Things.

Come strutturare un partenariato tra pubbliche Amministrazioni ed Aziende private fornitrici di soluzioni e progetti di sicurezza informatica per la PA?