Le persone che hanno partecipato

Rita Tenan

Rita Tenan

Rita Tenan è il Direttore della divisione Public Sector di Microsoft Italia.
In questo ruolo ha la responsabilità dello sviluppo del business verso la Pubblica Amministrazione e del supporto agli enti centrali e locali nel processo di digitalizzazione e di rinnovamento in corso nella PA.
Infatti, il sostegno per la modernizzazione della Pubblica Amministrazione è uno dei pillar fondamentali del piano di intervento triennale sviluppato da Microsoft per contribuire alla crescita e alla competitività del sistema Paese. Microsoft e la Divisione Public Sector proseguiranno quindi nel cammino intrapreso per mostrare alla PA, centrale e locale, le grande opportunità offerte sia dal cloud computing in termini di semplificazione delle soluzioni tecnologiche e di risparmio sui costi di adozione e gestione delle stesse, sia dalle cosiddette “Smart Cities”, in grado di garantire ai cittadini servizi più evoluti ed efficienti in modalità partecipativa, attraverso la diffusione dei dati pubblici in maniera trasparente e facilmente accessibile.

 

Rita Tenan ha una significativa esperienza internazionale unita ad una approfondita conoscenza del settore pubblico italiano. Prima di entrare in Microsoft, Rita Tenan ha maturato un’importante esperienza sul mercato italiano in Unisys, dove ha ricoperto dal 2004 la carica di Vice Presidente Servizi, con la responsabilità del settore Italian Consulting&Integration Services Practice. Precedentemente ha lavorato a Londra per 11 anni, di cui gli ultimi 6 in Unisys, dove ha svolto il ruolo di responsabile EMEA delle Operations & Marketing per la  Technology Consulting Services Practice.
Rita Tenan ha conseguito un Master in Business International presso l’Università di Leicester e il Fachzertifikat presso l'università di Saarbrueken.
Originaria della Savoia, vive a Roma con il marito e il figlio di 10 anni, Thomas.

Torna all'elenco completo

Ha partecipato a:

Aperitivo con Microsoft Lync: casi ed esperienze sul ROI e sul valore dell’integrazione nei progetti di Comunicazione integrata e Collaborazione

Palazzo dei Congressi EUR | Roma, 30 maggio, 2013 | 13:00

Rendere efficiente l’amministrazione pubblica offrendo ai cittadini servizi innovativi è missione fondamentale degli enti pubblici: oggi più che mai l’Information Technology può e deve essere un alleato prezioso per indirizzare il tema del contenimento dei costi così come evidenziato dalla Spending Review.

Grazie all'integrazione in un unico strumento le tecnologie per la Comunicazione integrata permettono di ridurre i costi di telefonia e le spese per le trasferte e di rendere più efficienti le modalità di comunicazione e collaborazione, sia all’interno degli Enti sia verso cittadini e imprese.

Nell’ottica di creare maggiore conoscenza e consapevolezza sull’utilità di queste soluzioni, Microsoft ha realizzato in Italia, insieme con NetConsulting, alcuni studi di ricerca per valutare l’impatto positivo determinato dall’adozione di una soluzione di Unified Communications and Collaboration in termini di Ritorno dell’Investimento (ROI).

Nel corso di questo incontro sarà presentato, dalla viva voce dei protagonisti, il progetto dell’azienda sanitaria ASL Napoli 2 Nord e forniremo delle indicazioni  quantitative per stimare i risparmi conseguibili attraverso l’adozione di queste tecnologie sia a livello di una singola azienda che del sistema paese.

In tema di integrazione, infine, illustreremo l’esperienza di Impianti SpA, Microsoft Gold Partner in Communications che è stato riconosciuto come un valido interlocutore in grado di rispondere a tutte le esigenze di un Ente Pubblico per queste soluzioni e di fornire soluzioni chiavi in mano.

A tutti i partecipanti sarà consegnato un documento di infografica che illustra in modo semplice e diretto i principali benefici economici che un Ente può trarre dall’utilizzo di queste soluzioni e riassume i concetti esposti.

Il workshop è stato realizzato in collaborazione con la società Impianti s.p.a.

Al termine sarà servito un aperitivo.

#PianoD: come liberare le risorse delle donne

Palazzo dei Congressi EUR | Roma, 28 maggio, 2013 | 15:00

In tutte le politiche vanno liberate le risorse delle donne: dalle politiche economiche a quelle su formazione e lavoro fino a quelle su trasparenza e partecipazione. Liberare le risorse delle donne significa dare valore aggiunto all’intera società e al sistema socio-economico nel suo complesso. Come fare? La parola e l’azione alle donne. Lavoreremo con il format dell’Open Talk, a partire da 4 position paper tematici che con la collaborazione di tutte diventeranno strumenti di policy advocacy di genere. Il lavoro che ci porta al 28 maggio inizia già da ora on line, sul wiki ospitato da Stati Generali dell’Innovazione - SGI ed è coordinato e animato dalle WISTER - Women for Intelligent and Smart TERritories.

L'appuntamento sarà anche l'occasione per presentare una prima riflessione su "Smart city in ottica di genere", realizzato da FORUM PA  e da futuro@lfemminile, che raccoglie interviste e riflessioni delle donne protagoniste delle città intelligenti: una delle iniziative che fanno parte dell'Agenda di Ricerca Smart City Gender & Inclusion realizzata in collaborazione con European Centre for Women and Technology, Universita' Ca' Foscari e Stati Generali Innovazione

PA digitale per l’Italia digitale

Palazzo dei Congressi | Roma, 29 maggio, 2014 | 15:00

La digitalizzazione della PA, che ha un peso centrale negli obiettivi di risparmio e di rilancio del sistema Paese, ha ormai una linea condivisa e una struttura dalle gambe robuste su cui poggiare. Quale è il ruolo riservato all’agenda digitale all’interno delle politiche di riforma avviate dal governo? In che modo il lavoro che sta portando avanti l’Agenzia per l’Italia Digitale e della struttura di missione di Francesco Caio si integra con gli indirizzi della Politica nazionale? Quale sarà il modello di convolgimento degli enti locali nell'attuazione dei piani di passaggio al digitale? Al centro dell’evento il confronto tra AgID, Politica e big player chiamati ad un rapporto di vera partnership per raggiungere un obiettivo a cui si lavoro da tempo.

Gestione documentale e conservazione alla luce delle nuove regole tecniche

Palazzo dei Congressi | Roma, 27 maggio, 2015 | 15:00

Il DPCM del novembre scorso, lungamente atteso da tutti gli operatori, definisce le regole tecniche in materia di formazione, trasmissione, copia, duplicazione, riproduzione e validazione temporale dei documenti informatici nonché di formazione e conservazione dei documenti informatici delle pubbliche amministrazioni. E’ un passaggio cruciale perché la gestione completa del documento elettronico, dalla sua formazione o digitalizzazione sino alla sua conservazione, diventi effettivamente prassi consolidata, verso quello switch off dalla carta al digitale tante volte annunciato e ancora lontano dalla pratica quotidiana degli uffici pubblici.