Le persone che hanno partecipato

Vito Albino

Vito Albino

Nato a Bari il 10/9/1957, si laurea nel 1982 in Ingegneria Meccanica presso l’Università di Bari.

Dal 1995 al 1998 è membro del Comitato scientifico del Parco scientifico “Tecnopolis-Csata” di Valenzano (Bari).

Dall’Ottobre 2000 è professore ordinario di Ingegneria economico-gestionale (SSD ING-IND/35) presso il Politecnico di Bari (dal 1988 al Settembre 2000 è stato ricercatore e professore associato di Ingegneria economico-gestionale presso l’Università della Basilicata).

È fondatore e responsabile scientifico del Laboratorio di Knowledge Management del Politecnico di Bari.

Nel 2002 è componente del Gruppo di Lavoro del MIUR per la selezione dei progetti di internazionalizzazione del sistema universitario italiano

Dal 2003 al 2009 è Direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Gestionale del Politecnico di Bari.

Dal 2006 al 2016 è membro del Comitato scientifico del corso di dottorato in Gestione dell’innovazione e dello sviluppo prodotto della Scuola Interpolitecnica di Dottorato (Bari, Milano, Torino).

Dal 2006 al 2010 è componente del Comitato Ordinatore della Facoltà di Economia, Università della Basilicata (Potenza).

Dal 2007 al 2009 è Presidente dell’Associazione italiana di Ingegneria Gestionale.

Nel 2010 è co-direttore della Scuola estiva “Sustainable Strategies and Operations” presso la Columbia University (NY, USA).

Dal 2011 è componente del Consiglio di Territorio Sud Continentale di UniCredit (dal 2011 al 2012 è vice-presidente per Puglia e Basilicata).

Dal 2012 al 2013 è stato membro della commissione Polimi International Fellowship del Politecnico di Milano.

Dall’Ottobre 2012 al Settembre 2013 è prorettore delegato per l’Industrial Liaison Office del Politecnico di Bari.

Dal Dicembre 2013 è prorettore delegato per la ricerca e il trasferimento tecnologico del Politecnico di Bari.

Dall’Agosto 2014 al Dicembre 2016 è presidente del distretto tecnologico pugliese della meccatronica (MEDIS).

Dall’Agosto 2016 è commissario straordinario per l’Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione (ARTI) della Regione Puglia.

Ha svolto attività di ricerca e seminari presso numerose università italiane e straniere tra cui la University of Cincinnati (OH, USA), il Massachusetts Institute of Technology (MA, USA), la Syracuse University (NY, USA), la Columbia University (NY, USA), la New York University (NY, USA), la University of South Florida (Tampa, FL, USA), la Keele University (UK), l’INSA (Lyon, F) e la VIA University College (Horsens, DK).

Torna all'elenco completo

Ha partecipato a:

Ambienti “Smart” per una Società che Cambia: Prospettive ed Opportunità

Bari, 5 maggio, 2017 | 14:30

I mutamenti sociali, i cambiamenti delle condizioni di vita e dei comportamenti abitativi, il cambiamento demografico e l’invecchiamento della popolazione, l’attenzione al miglioramento della qualità della vita e al benessere dei cittadini oltre che alla sostenibilità ambientale impongono, per il futuro, un ridisegno ed una trasformazione radicale degli ambienti di vita - lo spazio urbano, lo spazio domestico, gli ambienti di lavoro, la mobilità, l'accessibilità dei servizi, il welfare - secondo un approccio centrato sui fabbisogni dell'utente.

L’efficacia nella fruizione, da parte dell’utente, degli ambienti e dei suoi sistemi tecnologici è affidata pertanto alla capacità progettuale dell’integrazione tra le caratteristiche fisiche e prestazionali degli stessi spazi e le tecnologie di supporto con essi interagenti. Si tratta di migliorare l’accessibilità, la sicurezza, la sostenibilità energetica ed il benessere delle persone, rendendoli “Smart”, in uno scenario in cui le tecnologie si integrano con il contesto applicativo in modo da garantire l'inclusione sociale, la sicurezza, il benessere, il comfort, l’assistenza, la salute, la cura, l'ecosostenibilità. Tale scenario, se efficacemente gestito, può costituire un’enorme occasione di rinnovamento e sviluppo del settore, per innescare un processo di adattamento del sistema sociale alle mutate condizioni socio-economiche che caratterizzano la nostra società, cogliendo le enormi possibilità di crescita economica e sociale sottostanti.