Le persone che hanno partecipato

Andrea Aimar

Andrea Aimar

Nel 2012 si è laureato presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Torino (Laurea in Scienze del Governo e dell'Amministrazione). Attualmente collabora con un gruppo di ricerca dell'Università di Torino in un progetto sui sistemi alimentari urbani e gli urban food planning.
È uno dei responsabili di "Food Hub TO Connect", un progetto di innovazione sociale che nel 2012 ha ottenuto un finanziamento dal bando MIUR sulle Smart Cities and Communities. L'obiettivo di "Food Hub TO Connect"  è la creazione di una infrastruttura logistico-organizzativa a favore di un sistema del cibo locale.

Torna all'elenco completo

Ha partecipato a:

Food & City: il futuro smart delle politiche alimentari urbane

Fiera di Bologna | Bologna, 22 ottobre, 2014 | 14:30

Una città difficilmente può definirsi SMART se getta il 30% del cibo che acquista e tantoméno se il 30% dei bambini sono a rischio obesità, o se quando acquista servizi di ristorazione collettiva non si preoccupa di capirne gli impatti sociali ed ambientali.

Oggi, di fronte ad una situazione globale che vede molti paesi del vecchio continente essere sempre meno competitivi, anche l'industria alimentare subisce gli effetti della globalizzazione e delocalizza parte delle sue produzioni verso quei paesi con manodopera ed energia a basso costo, con due risultati certamente negativi: la disoccupazione crescente e l'aumento delle emissioni di gas a effetto serra dovute al maggior numero di chilometri percorsi dai nostri alimenti.

In un tale contesto il convegno propone una visione della Smart City, al cuore di un nuovo rapporto tra il locale ed il globale, tra azione e pensiero, dove l'alimentazione può diventare un pilastro indispensabile delle città resilienti e sostenibili. Un panel di esperti internazionali si confronteranno e lavoreranno su una serie di casi di studio relativi a nuovi modelli dove cibo, salute ed ambiente incontreranno l’economia delle imprese.

Ad ospitare questa riflessione non poteva che essere SCE2014 e la città di Bologna, che con il progetto City Of Food ha scelto di valorizzare uno degli elementi identitari del territorio, riconosciuto a livello internazionale. City Of Food, infatti non è solo cibo. È qualità e cultura dell’alimentazione, nutrizione, sostenibilità ambientale, ricerca scientifica, tutela della biodiversità e del suolo agricolo, per la valorizzazione delle eccellenze della città e del suo territorio, come sistema locale moderno, dinamico e competitivo.