Le persone che hanno partecipato

Marco Amadori

Marco Amadori

Ingegnere, con esperienza nella mobilità pubblica e privata.
Ha lavorato per la Provincia di Bologna come responsabile dell'Ufficio Trasporto Pubblico fino al 2008, occupandosi di pianificazione e controlli delle linee di TPL.
Nel giugno 2008 è entrato in SRM, l'Agenzia della Mobilità di Bologna, nell'ufficio Pianificazione, Organizzazione e Controllo.
È parte dello staff che organizza e gestisce la European Cycling Challenge.

 

Torna all'elenco completo

Ha partecipato a:

Il ciclista urbano: da utente a produttore di dati

BolognaFiere | Bologna, 15 ottobre, 2015 | 19:00

All’interno del programma di eventi in città di #SCE2015/Citizen Data Festival - la manifestazione dedicata l’utilizzo dei dati per costruire città più intelligenti - Dynamo, la Velostazione di Bologna, e Smart City Exhibition organizzano un appuntamento incentrato sul ruolo dei ciclisti urbani come produttori e fruitori di dati pubblici utili alla programmazione di interventi per la mobilità sostenibile. 
Con qualche anno di ritardo, anche le città italiane stanno mettendo in discussione la visione dello spazio pubblico per fare spazio a ciclisti e pedoni che sono tornati protagonisti dei centri urbani. Grazie all'azione di associazioni, movimenti e gruppi sociali improntati ai valori della condivisione e della comunità, i nuovi ciclisti urbani, in aumento nelle città metropolitane, sono utenti particolmamente disponibili ad essere responsabilizzati nei processi di partecipazione. Per la progettazione e l'analisi dell'impatto delle politiche per la mobilità ciclistica, la rilevazione dei flussi è di fondamentale importanza. Prima di pensare nuove ciclabili o di pianificare interventi o servizi speciali, abbiamo bisogno di sapere quanti cittadini utilizzano la bici per gli spostamenti quotidiani, quali percorsi vengano effettivamente utilizzati,le soste, le velocità sostenute, gli ostacoli e l'incidenza della stagionalità. Grazie all'utilizzo di nuove app sono gli utenti stessi a raccogliere i dati necessari al monitoraggio: con processi di gamification e incentivi per l'acquisto di prodotti, il ciclista urbano è stimolato a registrare i propri spostamenti per periodi più o meno lunghi, offrendo dati affidabili e puntuali. Quali sono le opportuità offerte ad amministrazioni e alle comunità?