Le persone che hanno partecipato

Proto Tilocca

Proto Tilocca

Laureato con il massimo dei voti in Ingegneria Civile Trasporti  presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Cagliari discutendo una tesi sperimentale sui modelli di simulazione di traffico, attualmente oltre a ricoprire l’incarico di Dirigente del settore Pianificazione Marketing Qualità e Sistemi Informativi e del Settore Parcheggi presso l’azienda CTM S.p.A. di Cagliari., e supervisore  del progetto d’integrazione e sviluppo tecnologico dei sistemi di controllo della mobilità dell’area Vasta di Cagliari. Da 20 anni si occupa principalmente di progetti tecnologici per la mobilità. Nel corso di questi anni ha potuto partecipare a numerosi corsi di specializzazione in Italia ed all’estero, nel campo dell’infomobilità.

Alla fine degli anni 80 ha iniziato l’attività lavorativa con una società di consulenza nel campo della progettazione  di linee elettriche. Successivamente ha continuato ad  occuparsi di modelli di simulazione di assegnazione del traffico su reti urbane, collaborando negli anni 1990-91 alla realizzazione del piano Provinciale dei Trasporti di Sassari, mediante l’uso di modelli di simulazione di traffico.  Parallelamente ha continuato a svolgere attività di consulenza e progettazione per conto dell’ENEL fino al 1993. Dal 1991 al 1993 ha lavorato presso il CRS4 (Centro di Ricerca Sviluppo Studi Superiori Sardegna), nel settore di calcolo parallelo, nel quale ha maturato una significativa esperienza in campo tecnologico ed informatico. Dal Dicembre 1993 al Luglio 1996, nell’ambito dell’azienda CTM S.p.A., ha ricoperto l’incarico di Responsabile del Sistema di Controllo Centralizzato di Traffico dell’Azienda Consorziale Trasporti di Cagliari, occupandosi del primo sistema di localizzazione delle flotte bus. Nell’ambito delle attività  aziendali ha maturato una notevole esperienza sui sistemi AVM e sulle nuove tecnologie di monetica, anche mediante l’introduzione di sistemi contactless. Ha tra l’altro ricoperto il ruolo di Coordinatore di numerosi Studi di Fattibilità e Progetti nell’ambito del trasporto pubblico locale  e della telematica ai trasporti. Alla fine degli anni 90 ha svolto il ruolo di Project Manager in diversi progetti di sviluppo all’interno di CTM S.p.A. Ha partecipato anche alla realizzazione del libro “Guida ai Sistemi di Telecontrollo delle Flotte del Trasporto Collettivo, pubblicato dall’ENEA nel 1997. Nel corso degli ultimi 15 anni ha partecipato in qualità di relatore  ha numerose conferenze nel campo delle nuove tecnologie applicate ai trasporti. Nel campo della mobilità si è occupato di progetti innovativi e di sperimentazioni, quali sistemi a chiamata, sistemi a propulsione ibrida e sistemi d’infomobilità. Dal 2001 ad oggi svolge il ruolo di responsabile o di direttore lavori  di numerosi progetti tra i quali spiccano il sistema  d’integrazione e sviluppo tecnologico dei sistemi di controllo della mobilità nell’area vasta di Cagliari ed il sistema radio tetra, considerati all’avanguardia in ambito internazionale.

Nella oltre ventennale attività nel settore trasporti ha avuto modo di pubblicare numerosi studi e monografie su riviste specializzate nazionali ed internazionali.

Torna all'elenco completo

Ha partecipato a:

Eco-City: ispirazioni per una città sostenibile

Fiera di Roma | Roma, 17 Maggio, 2012 | 15:00

Le Agende di tutti i principali governi sono dedicate in massima parte alla sostenibilità economica, ambientale e sociale (UN Agenda 21, EU Horizon 2020), affrontando sfide energetiche, di sovrappopolazione e cambiamenti climatici. Poiché la “sostenibilità” ha radici e diramazioni di diversa natura - politica, sociale, ambientale, tecnologica, etica, religiosa, filosofica ed economica - non è frazionabile e quindi le iniziative proposte non possono che essere multidisciplinari, flessibili ed integrate.
Il gruppo Finmeccanica, da sempre attento al tema della sostenibilità, ha sviluppato negli ultimi anni una visione del proprio portafoglio di tecnologie, prodotti e servizi in ottica di sostenibilità, denominata “Planet Inspired”, indirizzando le smart community su temi quali la sicurezza integrata, l’osservazione della Terra e delle mutazioni climatiche ed ambientali, la gestione delle risorse naturali, l’energia, la logistica, la salute.
Il convegno “Eco-City: ispirazioni per una città sostenibile” affronta approcci innovativi alle tecnologie, competenze, soluzioni ed asset per la sostenibilità ambientale, approfondendo il tema generale grazie ai contributi di numerosi testimonial, focalizzandosi sugli aspetti relativi ad energia e logistica/mobilità nelle smart cities.

Mobilità sostenibile nelle aree urbane

Fiera di Bologna | Bologna, 24 Ottobre, 2014 | 09:30

Il 70% degli spostamenti in città si fanno con un’automobile privata; le automobili giacciono non utilizzate nei parcheggi per più del 70% della loro vita utile; quando le usiamo ne utilizziamo – in media - non più del 30% dello spazio disponibile; alimentandone con carburanti che per chilometri hanno una resa inferiore ad un terzo da quella offerta da forme di alimentazione alternativa.

È quello della mobilità urbana, il fronte dove più elevati sono gli sprechi, maggiori – in tempo di crisi – l’esigenza di una loro riduzione e più maturi sono i progetti che possono rendere le città più intelligenti. Peraltro, c’è anche da dire che sensibili sono le differenze in termini di inefficienza tra una città ed un’altra: uno studio di qualche anno fa (Vision and Value, 2010) stimava che a Roma, in media, ogni abitante (compreso anziani e bambini) passasse in automobile quasi 250 ore all’anno; a Milano circa 100 ed è, allora, evidente che passano da una migliore mobilità molte delle possibilità di aumentare la qualità della vita e attrarre imprese. Di questo sembra essersene accorto il Governo italiano che stanzia 210 milioni di euro da spendere nei prossimi sette anni in quattordici città italiane per lanciare e valutare sperimentazioni che si possano riusare sul resto del territorio nazionale.

Molti processi e attori si stanno, dunque, muovendo in questa direzione. Si va dalle aziende pubbliche e private che offrono servizi per il carsharing, alle iniziative della cittadinanza organizzata per lo sviluppo della mobilità sostenibile nei quartieri; dalle iniziative di pedonalizzazione dei centri storici, ai sistemi di smart parking; dagli incentivi delle auto elettriche, alla nascita di una vera e propria filiera dei carburanti alternativi; dall’impegno degli operatori per la costruzione di una rete capillare di rifornimento per le auto elettriche, all’offerta commerciale di biciclette pensate appositamente per la città; dai sistemi di telecontrollo ed infomobilità che potenziano il servizio di trasporto pubblico alla sempre più massiccia diffusione di politiche di mobility management nelle grandi organizzazioni.

Gli esempi di visioni politiche strategiche, che sono riuscite ad integrare questi elementi e a renderli parte attiva di una vera e propria rivoluzione del modo di muoversi nell’ambiente urbano, non mancano sia all’estero che in Italia.

Nel corso dell’evento il confronto tra le esperienze nazionali e internazionali aiuterà ad individuare e mettere a fuoco i diversi modelli di governance integrata che sono riusciti a mettere insieme pubblico, privato e iniziativa della cittadinanza organizzata. Perché una città intelligente è soprattutto quella che riesce a valorizzare le forze già presenti sul territorio e a collegarle con quelle che già operano nel resto del mondo.