Le persone che hanno partecipato

Ha partecipato a:

Federalismo e costi standard: il caso della sanità

Fiera di Roma | Roma, 10 Maggio, 2011 | 10:00

Federalismo sanitario non significa abbandonare a se' stesse intere aree geografiche e si concretizza con il passaggio dal finanziamento della spesa storica, che spesso incorpora alti livelli di inefficienza, ai costi standard ovvero al finanziamento dei servizi erogati secondo principi di efficienza e appropriatezza. L’art. 79 del D.L. 112/2008, convertito dalla L.n. 133/2008, introduce alcune modifiche al D.Lgs. n. 502/1992 e successive modificazioni, con particolare riguardo all’individuazione delle tariffe massime da corrispondere alle strutture accreditate, in un’ottica di valorizzazione dei costi standard delle prestazioni.

Sul sito è disponibile la registrazione video integrale dell'evento. Cliccare qui

Telemedicina e Telemonitoraggio. Nuove Continuità di cura

Palazzo Lombardia | Milano, 11 Novembre, 2016 | 10:30

La telemedicina è l’insieme di tecniche mediche e informatiche che permettono di curare e fornire servizi sanitari a un paziente non fisicamente presente. La telemedicina con le sue declinazioni, tele-monitoraggio e tele-diagnostica, faciliterà i rapporti tra gli specialisti e quello tra medico e paziente e tra ospedale e territorio.

Il tele-monitoraggio agevolerà una continuità tra ospedale e territorio con il coinvolgimento di tutti gli attori quali: i pazienti e i care giver, i MMG, i pediatri di libera scelta e gli specialisti ospedalieri e ambulatoriali. È sempre più evidente che la nuova concezione dell’ospedale non può essere quella di una struttura svincolata dalle altre organizzazioni ospedaliere e territoriali di una Regione, bensì quella di un organismo integrato in un contesto sempre più ricco. Inoltre, il teleconsulto implementerà la riorganizzazione della rete ospedaliera centrandola sul modello Hub e Spoke, in integrazione con le altre parti del sistema sanitario, facilitando le interconnessioni intra ed extra specialistiche.

Il convegno è anche l’occasione per parlare di progetti pilota come il tele-monitoraggio medico e la teleassistenza domiciliare con il compito di spostare l’asse delle cure della cronicità dall’ospedale al territorio