Le persone che hanno partecipato

Ciro Esposito

Ciro Esposito

Laureato in Ingegneria. Direttore generale della Motorizzazione Civile. Capo Dipartimento Innovazione e tecnologia della Presidenza del Consiglio. OIV Ministero Infrastrutture e Trasporti. Principali reingegnerizzazioni: patente di guida (rilascio immediato, duplicato a domicilio, variazione di residenza e rinnovo di validità a domicilio, introduzione formato carta di credito); immatricolazione auto (rilascio immediato; duplicato e variazione di residenza a domicilio). Innovazioni: SIGEST sistema di controllo di gestione (applicazione in riuso gratuito presso AGID).

Torna all'elenco completo

Ha partecipato a:

#dirigentestaisereno? – La dirigenza pubblica fra burocrazia e managerialità

Palazzo dei Congressi | Roma, 26 Maggio, 2016 | 11:45

Uno dei “pilastri” della Riforma della pubblica amministrazione promossa dal Ministro Madia è costituito dalla riforma della dirigenza pubblica. Con il nostro convegno ci proponiamo di analizzare le novità più importanti introdotte dalla legge delega con particolare attenzione ai possibili effetti delle stesse sulle amministrazioni pubbliche, sui cittadini e sulla dirigenza stessa. Fra gli elementi che il convegno si propone di approfondire vi saranno il meccanismo di assegnazione degli incarichi, la valutazione della performance, i poteri del dirigente, la prevenzione della corruzione e altro ancora.

Un nuovo orizzonte per le performance delle PA: il valore pubblico

Roma, 14 Maggio, 2019 | 15:00

A 10 anni dall’entrata in vigore del d.lgs. n. 150/09 e dalla conseguente introduzione nelle amministrazioni pubbliche del cosiddetto “ciclo della performance” appare ormai evidente come il fine ultimo di tale ciclo sia rappresentato dalla misurazione e valutazione del valore pubblico che le amministrazioni riescono a generare con il loro operato. Il concetto di valore pubblico ha trovato una prima definizione “istituzionale” nelle Linee Guida del Dipartimento della Funzione Pubblica: il vero successo di una PA può essere espresso dalla sua capacità di migliorare il livello di benessere percepito dalla sua utenza o dalla sua comunità di riferimento rispetto alle condizioni di partenza (impatto esterno).

Per conseguire questo traguardo, le PA dovrebbero finalizzare verso il Valore Pubblico: - sia la propria performance organizzativa che la performance individuale (performance di ente), finora perseguite con approccio adempimentale e autoreferenziale, prendendosi cura della salute delle proprie risorse economico-finanziarie, strumentali e, soprattutto, umane (impatto interno). - sia i rapporti multi-livello tra diversi enti e con soggetti privati (performance di filiera), finora gestiti in maniera intermittente e valutati in modo inadeguato tramite indicatori propedeutici (ad es. i finanziamenti alla nascita di Unioni di Comuni o di partnership pubblico-privato) o intermedi (ad es. la capacità di spesa dei finanziamenti europei).

Occorre spostare il baricentro della valutazione della performance di filiera sugli indicatori finali, ovvero sulle ricadute nei confronti degli utenti, delle comunità, dei territori sia in termini di quantità e qualità dei servizi che, soprattutto, di effetti prodotti (ad es. l’infrastrutturazione di un territorio; l’indotto economico o il livello occupazionale dei progetti di sviluppo; il livello di salute professionale; la qualità ambientale, ecc). E ciò, ricordandoci che al cittadino non interessa quale Ente o quale suo ufficio eroghi il servizio, ma solo come si sia modificato il proprio stato di bisogno (se si sta meglio o si sta peggio).

Per generare valore pubblico oggi, aumentando la probabilità di crearlo anche domani a favore delle generazioni future, occorre che le azioni di miglioramento della performance di ente e di filiera siano accompagnate dalla cura delle c.d. condizioni abilitanti quali la digital transformation, la formazione delle competenze, la partecipazione civica, la spinta gentile al cambiamento, la gamification, ecc..

Il Convegno si articolerà in 3 sessioni:

- nella I sessione ci si chiederà che cosa è il valore pubblico? Come si crea? Come si misura? Quale rapporto con la performance?

- nella II sessione si cercherà di declinare il concetto di valore pubblico con riferimento al ciclo delle performance delle PA dei 4 diversi comparti.

- nella III sessione si esploreranno alcune condizioni abilitanti per creare valore pubblico.